Il sabotaggio delle urne

urne

Talvolta l’immagine di una spaccatura si riesce a comprendere meglio dai numeri, più icastici della fotografia di un terreno crepato dal sole di agosto. L’Italia che vota compatta “no” e le poche regioni che assecondano i desideri di un premier in procinto di dimettersi. Una provincia, la nostra, che va in controtendenza e segue le indicazioni del partito di raccolta nelle valli più profonde, quelle “tedesche”, ma che nei centri in maggioranza abitati dagli “italiani” torna a sintonizzarsi sulla tendenza nazionale. Quindi Bolzano, con i suoi quartieri divisi: Don Bosco, Oltrisarco-Aslago, Europa-Novacella schierati contro le riforme; Gries-San Quirino e Centro-Piani-Rencio docilmente incamminati sulla via maestra e governativa.

Al netto delle frasi di circostanza, il dato è abbastanza semplice da registrare. Tra i due partiti che più si sono fatti carico di sostenere le ragioni del cambiamento, solo alla Svp di Arno Kompatscher – giacché una Svp minore, e quindi perdente, aveva deciso di aderire alla campagna del “no” – è riuscita l’impresa di spronare al voto una notevole quantità di cittadini e orientarne così la scelta. Il Pd locale, invece, questa impresa l’ha fallita, e il voto degli elettori di lingua italiana ha costituito un fronte sfrangiato, al suo interno contraddittorio, ma ugualmente unito dallo stesso dissenso. In provincia di Bolzano, insomma, il fantomatico “partito degli italiani”, inesistente sulla carta, si è materializzato esponendo dei connotati chiari e confusi, come il filosofo Leibniz definiva quelle idee che, pur essendo afferrabili, non consentono di individuarne le componenti.

Ciò nonostante, una componente è forse individuabile. Parliamo dell’incapacità conclamata, da parte dei politici italiani che da anni governano questa provincia all’ombra dei loro colleghi di lingua tedesca, di trasmettere alla popolazione che rappresentano almeno la sensazione di un’appartenenza territoriale radicata, e soprattutto la fiducia che la loro sia una rappresentanza all’altezza. Certo, anche tra chi ha votato “no” vi sono quelli che l’hanno fatto perché hanno percepito la riforma come centralistica, iscrivendosi quindi nel novero occulto degli autonomisti dissidenti o privi di origine garantita. La maggioranza, però, ha colto l’occasione per dichiararsi ostile all’autonomia e ha voluto sabotare il progetto di chi ne possiede le chiavi. Il probabile naufragio del terzo statuto potrebbe riaprire scenari conflittuali che pensavamo fossero ormai definitivamente consegnati al passato.

Corriere dell’Alto Adige, 8 dicembre 2016

Moglie e buoi, principio tenace

matrimonio_country_chich_altoadige_61

In tempi in cui sembra tornare di moda il conflitto etnico scarsamente temperato, è interessante riflettere su una statistica che certifica una tendenza costante nel comportamento matrimoniale di chi vive nel nostro territorio. La si potrebbe descrivere giocando con un famoso proverbio: moglie e buoi dei gruppi linguistici tuoi. In pratica, comparando i dati dei cosiddetti “matrimoni misti” dal 1981 ad oggi, parrebbe che la scelta della compagna o del compagno da portare all’altare (o in Municipio) non segua un’inclinazione spiccatamente multiculturale, ma addirittura la contesti.

Il plesso “matrimoni e lingue” ha così motivato qualche titolista a subodorare un clima di persistente ostilità al “mescolamento”. Come se, insomma, fosse davvero all’opera l’implicito divieto a varcare il cerchio stregato del linguaggio allorché si tratta d’investire affetti più profondi del solito. Il rischio di attribuire un significato politico anche ai comportamenti privati, infatti, è sempre dietro l’angolo. Mentre nel caso specifico sarebbe forse necessario tracciare un raggio interpretativo talmente largo da mettere in questione la stessa categoria di “matrimonio misto” (in tedesco: “Mischehe”), in genere utilizzata senza neppure accorgersi del carico ideologico che porta con sé.

Definire un matrimonio o un accoppiamento come “misto” implica già una visione del mondo in spicchi caratterizzati da linee di demarcazione, le lingue, praticamente invalicabili, se non al prezzo di scioglierne la riconoscibilità o comunque metterne in radicale questione l’identità. Un errore di prospettiva che diventa evidente quando poi definiamo come “mista” anche la discendenza di siffatte unioni. Ed ecco infatti apparire il noto e incomprensibile ircocervo dei cosiddetti “mistilingue”. Ogni rapporto di coppia presuppone in realtà una contrattazione delle complessive identità di partenza relative al censo, ai gusti, al carattere: porre l’enfasi esclusivamente sulla lingua nasconde sfumature altrettanto essenziali.

La scelta (ma poi, si tratta veramente di una scelta?) della o del partner della medesima lingua fa quindi accendere solo una delle possibili spie sulla frammentazione del contesto sociale in cui siamo collocati. Tale frammentazione risulta misurabile e leggibile in tutta la sua stratificazione attivando molti altri parametri, talmente profondi e irriflessi da essere dati per scontati. In sintesi: affermare che le coppie si formano prediligendo una lingua comune dice molto di più sui nostri vizi culturali che non sulle vere ragioni del loro stare (o non stare) insieme.

Corriere dell’Alto Adige, 25 novembre 2016

Il male assoluto nelle fotografie

lager

Come si scivola dentro il male assoluto? E una volta penetrati sul fondo dell’abisso, come ci si comporta, quali sono le espressioni che si disegnano sui volti dei carnefici? Se non proprio una risposta, almeno un’allusione visiva a tali quesiti è stata data recentemente grazie al reperimento, presso l’archivio storico dell’esercito italiano a Roma, di alcune fotografie che mostrano gli aguzzini del Lager di Bolzano.

Non sono immagini cruente, tutt’altro. Chi è ritratto – tra gli altri il responsabile della disciplina del campo, Hans Haage, un cittadino germanico poi riuscito a sfuggire a qualsiasi processo e rientrato in patria dove è morto ultranovantenne – appare in pose quotidiane, rilassate, mostrando persino scampoli di felicità che, come sappiamo, erano ritagliati su uno sfondo di orrore e sofferenza. Non esiste quindi migliore documentazione possibile per illustrare la “banalità del male”, o per meglio dire la sua “superficialità”, giacché – come ci ha spiegato in modo pregnante Hannah Arendt – il pensiero non riesce a concepire alcuna profondità nel male, soprattutto quando esso “si espande come un fungo”, evaporando nelle pieghe di una giornata qualunque, nella grigia organizzazione che ben prima di eseguirlo, magari pianifica un massacro proprio come si pianificasse una gita in montagna o l’acquisto delle vivande per preparare una bella cena tra amici. Spesso semplicemente espletando un “dovere” burocratico mai indagato nelle sue conseguenze.

Inavvertitamente, allora, è possibile scivolare dentro il male assoluto, e il primo passo è occultare tale assolutezza in qualcosa di relativo, cioè in relazione a noi e a al ritmo abituale delle nostre vite, concependole alla stregua di minimi, insignificanti e innocui ingranaggi, dal semplice funzionamento dei quali non saremmo mai disposti a credere che possa dipendere il compimento di un crimine perpetrato su larghissima scala. Ciò che in quelle fotografie si vede, rivelato da un sorriso rivolto ad altri – ma adesso anche a noi che, invece, possiamo ricostruire l’intero contesto – è la piatta normalità nella quale trovano riparo anche gli assassini, celati nell’ombra inevitabile di comportamenti che raramente sono contrassegnati da tratti eclatanti o appariscenti, e che talvolta costituiscono addirittura la maggior parte di esistenze inappuntabili.

Arginare il male che può originarsi da una tale normalità è un compito al quale chiunque di noi è rimesso, anche qui e ora, anche se le condizioni appaiono mutate e quindi saremmo tutti disposti a ritenerci immuni dal compiere o subire le atrocità registrate in passato.

Corriere dell’Alto Adige, 17 novembre 2016

Una partita da vincere uniti

caramaschi

Il sindaco Renzo Caramaschi ha parlato chiaro e forte. Da Roma, dov’era presente a un incontro con gli altri suoi colleghi avvenuto in Parlamento, ha spedito una precisa richiesta all’indirizzo del Consorzio dei Comuni altoatesini, rivendicando uno status di specialità per il capoluogo. Bolzano – ha detto – non può essere considerato un Comune assimilabile agli altri. Qui gravano maggiori spese, dovute sia al maggiore flusso di pendolari che alla pressione dei cittadini stranieri in cerca di accoglienza. Altri importanti motivi di preoccupazione, poi, riguardano l’organizzazione della viabilità interna, la manutenzione delle strade, l’impatto dell’inquinamento e i costi dovuti alla necessità di garantire l’ordine pubblico. Ergo: occorrerebbe ritoccare, diversificandoli, i parametri previsti per il finanziamento da destinare ai singoli Comuni, stabilendo un primato che non è certo ideologico, ma giustificato dai fatti.

L’incomprensione tra il capoluogo e il resto dei Comuni della provincia, o meglio la labilità della regia che li pone in relazione, non è peraltro una novità. Non è la prima volta che un sindaco bolzanino si trova a dover reclamare attenzione da parte di chi, evidentemente, continua a dimostrarsi restio a concedergliela. Sembra un paradosso, ma in effetti i pochi metri che separano piazza del Municipio da piazza Magnago scavano anche una distanza mentale quantificabile in parecchi chilometri. Si tratta di due realtà contigue, all’apparenza inglobate l’una nell’altra, ma divise da una pellicola d’incomprensione che tende a renderle estranee e reciprocamente diffidenti. La stessa diffidenza che allontana i maggiori gruppi linguistici, fra l’altro, ribadendo la sensazione di avere a che fare con sfere di potere che non possono mai trovare un equilibrio soddisfacente.

Gli argomenti messi sul tavolo da Caramaschi, l’abbiamo visto, segnalano un “disagio” effettivo, non banalizzabile nei termini di una mera richiesta di soldi o strutture avanzata dalla città Cenerentola nei confronti della Provincia matrigna. Anche la provincia, cioè il resto del territorio, dovrebbe per questo sviluppare una significativa inclinazione a riconoscersi nel capoluogo o perlomeno limitare l’istintiva tendenza a concepirsi come qualcosa di staccato o, peggio, estraneo e inassimilabile al contesto più urbanizzato. Intrecciare, congiungere, portare a cooperare sempre di più queste due entità amministrative e antropiche appare uno degli obiettivi principali dei prossimi decenni, e quindi sarebbe non solo auspicabile ma anche necessario che lo sfogo di Caramaschi venisse interpretato come una sfida da vincere insieme.

Corriere dell’Alto Adige, 9 novembre 2016

L’espiazione culturale

sparkasse

Al pari del significato ambiguo dell’antica parola greca “pharmakon”, che significava in un solo tratto veleno e cura, il rilevante taglio ai fondi da destinare alla cultura deciso di recente dalla Stiftung della Sparkasse può essere letto sia in chiave negativa che positiva. La negatività sta già tutta nei numeri: passare da oltre 8 milioni di euro all’anno a quasi la metà implica che molte associazioni, finora aiutate da quella banca, debbano rivedere anche drasticamente i propri capitoli di spesa. La positività, invece, è connessa alle nuove proporzioni causate dal risparmio, visto che adesso si tratterà di scegliere più oculatamente chi e cosa finanziare. Con la speranza, ovviamente, che la questione del “cosa” preceda ed orienti anche quella del “chi”.

Insistendo ancora sugli aspetti positivi deducibili dalla riduzione del budget, potremmo qui evocare una formula interpretabile come rischiosa solo ammettendo che niente, dalle nostre parti, possa sfuggire ai binari obbligati dell’abitudine. Finora l’arcipelago delle associazioni e delle iniziative si è sempre modellato sul principio degli universi paralleli, italiano e tedesco, mantenuti in un regime di sostanziale separatezza. Ciò, se da un lato ha senza dubbio evitato che emergessero conflitti all’interno di una coesistenza non sempre facile, ha anche impedito che si venissero a creare cooperazioni interessanti, o comunque che si cercassero con maggiore insistenza esperimenti comuni. In tal senso la politica – anche quando magari affermava il contrario – ha preferito di gran lunga assecondare la generale pigrizia, anziché contrastarla con precise e chiare linee di indirizzo. Se adesso mancheranno i soldi, una più attenta riflessione riuscirà a selezionare gli apporti migliori?

La risposta non è scontata. Il termine “pharmakon” avrebbe infatti anche un terzo significato, ossia quello di “capro espiatorio”. Il riferimento è al rito ebraico compiuto nel giorno dell’espiazione, quando il sommo sacerdote caricava tutti i peccati del popolo su un capro e poi lo allontanava nel deserto. Data la delicatezza dei finanziamenti alla cultura in un contesto etnicamente frammentato qual è il nostro, ognuno può facilmente comprendere cosa implicherebbe spedire qualcuno nel deserto proprio in un ambito come questo. Occorrerà perciò senso di responsabilità, equilibrio, e soprattutto cercare di evitare con cura che si originino lamentele legate al sentirsi svantaggiati da una valutazione poco oggettiva riguardo ai progetti proposti.

Corriere dell’Alto Adige, 2 novembre 2016

La lingua tra funzione e cultura

studenti-impegnati-durante-una-prova

Esistono due tipi di polemiche. Quelle inutili, che si avvitano in circolarità frustranti; e quelle utili, dalle quali possiamo imparare qualcosa, come sa chi deve attraversare un territorio sconosciuto ed impervio ma, nonostante ferite e lividi, alla fine scopre di avere persino più forza di quand’era partito.

La polemica sulla riforma della prova di seconda lingua alla maturità – che entrerà in vigore già a giugno – potrebbe senz’altro appartenere a questo secondo gruppo, solo se avessimo la cura di comprendere cos’è in gioco. Ricapitoliamo la questione per rapidi cenni. Davanti alla richiesta di inserire all’interno della prova finale di seconda lingua un momento di “ascolto”, molti insegnanti si sono ribellati dicendo: così l’approccio alla nostra materia viene svilito in senso meramente funzionale e si perdono tutte quelle peculiarità di tipo interculturale (o di mediazione culturale) che sono imprescindibili per capire la posta del nostro lavoro. Inoltre, aggiungono, il cambiamento è stato deciso dall’alto, in modo autoritario e segreto, non prevedendo alcuna fase di indispensabile sperimentazione.

Sulle ultime obiezioni gli insegnanti hanno ragione. Un loro maggiore coinvolgimento e un periodo di prova per valutare la proposta sarebbero stati più che opportuni. Sul primo punto, però, vale la pena riflettere in modo approfondito.

Sottolineare la rilevanza strumentale della seconda lingua non deve necessariamente essere visto come un attacco alla sua componente culturale. Le due cose, anzi, potrebbero e dovrebbero andare di pari passo. Potenziare le fasi di “ascolto”, ma anche l’interazione su temi quotidiani, ossia cercando di inserire quanto più possibile l’apprendimento in contesti di “lingua parlata”, sono tutti fattori che costituiscono la via maestra per apprendere qualsiasi lingua (anche la cosiddetta seconda lingua). Al contrario, evitare di strozzare nelle ore di italiano o di tedesco il compito vasto e delicatissimo di far recepire ai ragazzi l’importanza di aprirsi a un’altra cultura (a cominciare dai suoi aspetti più sofisticati, vale a dire quelli letterari) è qualcosa di cui sarebbe bene che si facessero carico tutti, anche gli altri insegnanti, perlopiù intrappolati nelle loro bolle monolinguistiche e monoculturali. Il fronte più arretrato – specialmente nella nostra provincia – è proprio questo, e ben venga una discussione sulla riforma dell’esame di maturità per accorgerci finalmente di quanto lavoro ancora ci aspetta.

Corriere dell’Alto Adige, 27 ottobre 2016, pubblicato col titolo “I due aspetti linguistici”

Orientamento smarrito

election-day

Per ironia della sorte, la Svp è il più longevo partito “italiano” degli ultimi ottant’anni. Fondata nel maggio del 1945, dunque all’alba della cosiddetta prima Repubblica, il suo nome ha continuato ad esistere nonostante, fuori di qui, tutto cambiasse e si rimescolasse. Il motivo non è difficile da trovare, essendo legato al destino di un popolo che ha sempre continuato a battersi per la propria specificità e a difenderla persino in modo più arcigno se a metterla in pericolo fossero emerse forze alternative dal suo interno.

Da un po’ di tempo, però, cospicui segnali di crisi dimostrano che l’elettorato di lingua tedesca e ladina, incline a farsi raccogliere docilmente, ha smarrito il suo orientamento istintivo. Smarrimento ancora più cospicuo allorché si tocca il tasto dell’attività da svolgere quotidianamente, sul territorio. Tra le possibili cause: la sempre più difficile percezione del nemico “esterno”, vale a dire lo Stato italiano, di decennio in decennio impallidito nel suo ruolo di pericolosa minaccia assorbente (oggi la parola “italianizzazione” la pronuncano solo i professionisti dell’autodeterminazione, peraltro facendo molta fatica a capire di cosa stanno parlando), ma soprattutto un processo di generale discredito della politica, vampirizzata da interessi talvolta così particolari da non essere più sintetizzabili come accadeva in passato.

Quando tali dinamiche più generali vengono poi ulteriormente sollecitate da eventi poco apprezzati dalla popolazione, ecco che saltano anche le ultime resistenze. Un’avvisaglia si era avuta con la questione dell’ampliamento dell’areoporto, rifiutato anche dai cittadini che non hanno più ritenuto di seguire le indicazioni strategiche del partito. Ancora più acuta la scossa avvertita in alta valle Isarco, dove la battaglia in difesa del punto nascite dell’ospedale di Vipiteno si è gonfiata in una pericolosa contestazione fino ad esplodere proprio alla vigilia del rinnovamento delle sue sezioni locali.

Oggi, peraltro, è previsto un incontro tra i vertici e alcuni esponenti locali del partito, capitanati dall’Obmann circondariale Karl Polig. “Versöhnung”, riconciliazione, è il compito annunciato. Vedremo se seguiranno anche i fatti, se cioè il partito del “noi”– come l’ha chiamato Philipp Achammer presentando l’election day del 13 novembre – sarà in grado di riportare all’ovile tutti quelli che, invece, intanto hanno scoperto o stanno scoprendo l’ebbrezza di dire “io”.

Corriere dell’Alto Adige, 21 ottobre 2016