Cultura infetta

Sgombro il campo da un possibile equivoco: non scrivo per accusare, non mi sto lamentando, cerco solo di mettere a fuoco una sensazione. E spero tanto di sbagliarmi. Siccome parlo di una sensazione, ne circoscrivo l’origine empirica, come direbbero i filosofi. La settimana scorsa ho visitato due istituzioni culturali (una biblioteca, un cinema) nelle quali non mettevo piede da mesi. In biblioteca (non è così importante che riveli quale sia, si tratta comunque di una biblioteca bolzanina) non ho trovato anima viva, a parte chi ci stava lavorando: nessun lettore (o se c’era si era nascosto benissimo), nessuno a prendere libri in prestito, nessuno a restituirli. Segnalo che l’orario non era proibitivo, non stavo lì subito dopo l’apertura o subito prima della chiusura. Al cinema sono andato di sera, spettacolo della otto e mezza. Eravamo in sei. D’accordo, non era un film di quelli che smuovono le masse, ma era pur sempre un film di richiamo, proiettato al Festival del cinema di Venezia. Regista importante, attori importanti. Eppure eravamo in sei. Vengo al punto. Che cosa mi suggerisce questa sensazione? Questa sensazione mi suggerisce che al margine di tutto ciò che noi stiamo raccontando sull’efficacia o meno delle misure di contenimento della pandemia (al margine di tutto questo caotico dibattito), le persone intanto si tengono (o vengono tenute) soprattutto alla larga dagli spazi della cultura, come se la cultura avesse una capacità d’infettare superiore a tutto il resto. Ripeto, magari si tratta solo di una mia sensazione, del tutto privata, del tutto occasionale. Eppure ce l’ho, questa brutta sensazione, e mi piacerebbe tantissimo che qualcuno mi spiegasse, mi dimostrasse, mi convincesse che non è così, che in realtà presto sarà tre volte Natale e festa tutto il giorno, che ogni Cristo scenderà dalla croce e anche gli uccelli (cioè gli appassionati di cultura) faranno ritorno.

La colonnina – ff – 16 settembre 2021

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...