Golosi di passato

Cannolo

(gadilu) “Nostalgia, nostalgia canaglia / Che ti prende proprio quando non vuoi / Ti ritrovi con un cuore di paglia / E un incendio che non spegni mai”, cantavano Albano e Romina Power nel 1987. La nostalgia è dunque un sentimento che ci afferra alla sprovvista, che ci assale, e contro cui nulla possiamo. Ognuno cerchi poi di liberarsene come meglio crede. Alle volte però c’è un intoppo. E se la nostalgia non venisse vista come un’assalitrice? Se la voglia di rivedere “una strada”, “un amico”, “un bar”, “un paese che sogna e che sbaglia ma se chiedi poi tutto ti dà” (sono i correlativi oggettivi della nostalgia sciorinati nel testo), se una voglia del genere venisse invece valutata e coltivata come un’ancora di salvezza, qualcosa a cui attaccarsi per evadere dal presente (sia in senso temporale che spaziale)? Ecco allora la nostalgia tramutarsi in qualcos’altro, diventare una specie di coazione regressiva, nutrita di spaesamento e animata da spirito reazionario. Il saggista Mark Lilla ha parlato a questo proposito di una “mente naufragata”: “Dove altri vedono davanti ai propri occhi il fiume del tempo scorrere come ha sempre fatto, il reazionario vede galleggiare i relitti del paradiso” (Il naufragio della ragione. Reazione politica e nostalgia moderna, Marsilio). È possibile verificare una persistente voluttà di naufragio, in questi smarriti che si aggirano tra noi in panni desueti. Nel modo più spiccio essa assume la forma di inesausta golosità del passato, golosità anche in senso letterale. Il mondo della cucina, la passione per i cibi di “una volta” e di “casa”, specialmente se la casa è “lontana”, costituisce anzi il primo sintomo che i regressivi manifestano. In genere ci si ferma lì, cioè ad elencare e sdilinquire su liste di prelibatezze introvabili nelle vicinanze. Ma il passo successivo – il rinserramento nelle proprie specificità, l’asfittica ottusità nei confronti del nuovo e del diverso – non è così improbabile come si potrebbe credere.

La colonnina, ff – No. 32, 8 agosto 2019

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...