Credere – Obbedire – Ridere

CasaClown 2

Photoshop di Roberto Tubaro

C’eravamo sbagliati. C’eravamo proprio sbagliati ad enfatizzare troppo le nostre preoccupazioni, parlando dei fascisti del terzo millennio, della lievitazione del loro consenso, come se insomma ci trovassimo di fronte a qualcosa di effettivamente perturbante, la riproposizione di un passato orrendo del quale, in effetti, restano ancora in troppi a non voler prendere coscienza (o ad aver smarrito la coscienza). Il manipolo dei furbetti ha capito bene una cosa: alludere in modo ambiguo a quel passato – citandolo e poi smentendo di averlo citato – è solo un modo per graffiare la patina di anti-fascismo istituzionale sotto alla quale si riproduce e prospera il qualunquismo onnivoro delle masse lobotomizzate, suscitando così il brivido del proibito che può essere assunto tranquillamente in un cocktail di sempreverdi paure, curate dalla stolida sovrapposizione degli ingredienti di sempre. Paure collettive (in primo luogo del diverso, di ogni diverso) e bandiere, eterno collante degli imbecilli di ogni nazione e quintessenza di ogni nazionalismo. Per smontare il giochino bastano tre camice hawaiane (avrebbero potuto essere delle parrucche, dei nasi rossi o un altro travestimento qualsiasi) messe al momento giusto nel posto giusto (che poi è in effetti il posto più sbagliato). Fascismo qui fa rima solo con fashion, il manganello diventa uno strumento pop (da carnevale) e poi grandi rutti per tutti. CasaPound, CasaClown, CircoPound: ai mattacchioni del terzo millennio tutto fa brodo per credere, obbedire, ma soprattutto far ridere.

CasaClown

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...