Bolzano-Pirano, una falsa rima

PiranoPeter Bossman ha un nome olandese, è originario del Ghana e fa il sindaco di Pirano, un piccolo comune sloveno di 17.000 abitanti. La sua elezione a primo cittadino, recentemente riconfermato, ha suscitato l’interesse dei media mondiali in quanto Bossman è ritenuto il primo borgomastro nero eletto in un paese fino a poco fa inserito nell’ex blocco dell’est europeo. Ospite mercoledì sera al teatro Cristallo di Bolzano, nella cornice di una serie di incontri e manifestazioni incentrate sul tema dell’identità, ad interloquire con lui c’erano il vicepresidente della Provincia, Christian Tommasini, e l’Obmann della Svp, nonché assessore provinciale alla cultura e scuola tedesca, Philipp Achammer.

La domanda che ha attraversato tutta la discussione era questa: quando sarà possibile che, anche da noi, un immigrato, dunque qualcuno portatore di un’identità palesemente complessa e irriducibile agli schematismi ai quali siamo abituati, possa scalare la piramide sociale fino a diventarne addirittura il rappresentante? Oppure, volando molto più basso, quando sarà almeno possibile avere un sindaco “tedesco” di Bolzano e un presidente della Provincia “italiano”?

Tommasini e Achammer hanno confermato che ai “piani alti” delle nostre istituzioni la decostruzione del concetto monolitico d’identità è ormai un dato acquisito. Il secondo ha sottolineato che la sua presenza al teatro Cristallo – dove, prima di lui, nessun assessore alla cultura tedesca aveva mai messo piede – deve essere vista come il segno tangibile dello sgretolamento dei vecchi muri. E Tommasini, di rimando, non ha mancato di ricordare come gli sforzi per promuovere il plurilinguismo e una nuova coscienza intrisa di patriottismo statutario non tarderanno a dare i loro già promettenti frutti.

Non neghiamo ai nostri due politici la buona fede e rivolgiamo loro l’augurio di proseguire nel cammino intrapreso. Eppure, anche all’osservatore più fiducioso non può certo sfuggire come tra quei nobili intenti e la loro realizzazione la differenza sia tuttora abissale. Cambiare i dispositivi legislativi e, soprattutto, mettere davvero in discussione la comodità di riferirsi a una pratica di potere basata sulla sussistenza di mondi paralleli richiederebbe l’allestimento di un progetto ben oltre il vago richiamo a un ipotetico “terzo statuto di autonomia da scrivere con il contributo di tutti”. Per carità, nulla di tragico. Ma almeno non illudiamoci: Bolzano non fa ancora rima con Pirano.

Corriere dell’Alto Adige, 6 febbraio 2015

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...