Pensiero grottesco

Fuori piove, dentro sbocciano pensieri grotteschi. Scrivevo ieri degli ambiziosi progetti tesi a raddrizzare la schiena a quei fannulloni d’insegnanti (quelli che lavorano quattro ore alla settimana, come c’informa il sempre – tranne stavolta – informatissimo Malvino). Ma visto che ultimamente della scuola si stanno occupando un po’ tutti (una volta si diceva “cani e porci”), vale forse la pena tentare proficue sintesi. Dobbiamo allora riempire sensatamente le quattro o sei ore in più alla settimana che ci vogliono appioppare? Beh, se ne potrebbe approfittare per eviscerare, ermeneutizzare e quantunquemente cantare l’inno nazionale (visto che a qualcuno è venuto in mente d’istituirne l’obbligo di approfondimento). Sei ore la settimana di Fratelli d’Italia, perché no? Tanto ormai… Eh, perché no?

Marco Rovelli ha scritto per l’Unità un testo che riproduco al fine di restaurare un po’ di buon senso.

Perdonatemi, io sono un miscredente. Non credo che gli inni, le bandiere, e nemmeno il senso di appartenenza a una “nazione” (concetto quantomai desueto, che storicamente ha fatto il suo tempo) possano essere il collante necessario a una società di liberi ed eguali. Non credo che nella retorica della nazione si fondi quella civiltà dei diritti uguali per tutti di cui abbiamo bisogno. Non è di riti e miti che abbiamo bisogno, ma di pratiche condivise che ci facciano apprendere nel vivo dell’esperienza che cosa significa “bene comune”. E non credo che insegnando l’Inno di Mameli a scuola si risolvano i problemi della cittadinanza, e tantomeno della scuola. Emblematico che, nel momento in cui la scuola non cessa di essere manomessa, con tagli su tagli e attacchi ai diritti acquisiti degli insegnanti, specie i precari, si pensi a questa innovazione “epocale” (sí, sono ironico). Non so se il maestro elementare (oltre che giornalista: il suo blog sta sul fattoquotidiano.it) Alex Corlazzoli farà cantare ai suoi bambini l’inno. Ma so che la possibile costruzione di una comunità e di una cittadinanza responsabile comincia dalle pratiche educative raccontate nel suo recente libro “La scuola che resiste” (ed. Chiarelettere). Sono le storie, raccontate con grande passione, di un maestro precario che è ben consapevole di quanto la scuola sia il bacino di formazione di cittadini, e ancor più di persone. A fronte di una scuola sempre più standardizzata e aziendalizzata, sempre più catena di montaggio, Corlazzoli sa che si tratta di vedere i volti delle persone, partire dalle esperienze personali, provocare un coinvolgimento esistenziale, confrontarsi continuamente col mondo, mediante pratiche didattiche che qualcuno direbbe alternative, ma che sono le uniche oggi a poter salvare la scuola, e la società.

(pubblicato su l’Unità, 10/11/2012)

Annunci

3 thoughts on “Pensiero grottesco

  1. Bravissimo Rovelli! Sembrano fare a gare per trovare una scemenza ogni giorno più bislacca. Questa mi è arrivata totalmente inattesa. Arriverà il giorno in cui l’Italia chiederà la secessione da questo governo.

  2. ancor più grottesco se si pensa che il cosiddetto Inno di Mameli NON é inno ufficiale della Repubblica Italiana, ma solo adottato in via provvisoria con comunicazione del Ministro della Guerra Facchinetti nel 1946 in attesa di provvedimenti legislativi e regolamenti relativi…
    fino al 2010 la SIAE chiedeva la corresponsione dei diritti per la sua esecuzione …

  3. E’ pazzesco: leggo già commenti di folli che vorrebbero i carabinieri a sorvegliare che nelle scuole del Sudtirolo si cantasse l’ inno (e con passione) come se non avessero altro a cui star dietro….Il tutto condito dai soliti commenti sul Trentino-Sudtirolo che pare sia la causa di tutti i mali del paese (guardate “Il Gazzettino” Lettere al Direttore). Gli Italiani sanno essere nazionalisti solo quando si tratta di essere contro qualcuno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...