Ai nostri post-etnici…

Scriveva Sant’Agostino (La città di Dio, tr. it. Einaudi, Torino 1992, 19, 7, p. 911):

Se due uomini s’incontrano e anziché proseguire sono costretti da qualche necessità a rimanere insieme, senza che l’uno conosca la lingua dell’altro, più facilmente si associano due animali muti, anche di specie diversa, che non quei due, pur entrambi uomini. Nell’impossibilità di comunicarsi l’un l’altro i propri pensieri, a poco serve per stabilire un contatto umano l’uguaglianza naturale, di fronte a quell’unica differenza del linguaggio; tant’è che un uomo preferisce la compagnia del suo cane che di un uomo forestiero.

Annunci

2 thoughts on “Ai nostri post-etnici…

  1. In Giappone e Turchia sono riuscito a comunicare pur non conoscendo la lingua. E’ una questione di buona volontà, pazienza e buon cuore da entrambe le parti. Occasionalmente è pure divertente. Occasionalmente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...