Senza

Per carità, ben vengano le stroncature. Niente è infatti più detestabile di un “critico” che non critichi e sparga solo mielosi complimenti. Confesso però di essere rimasto un po’ male dalla qualità della critica espressa da C. Rocca, oggi sulla Domenica del Sole 24 ore, nei confronti del nuovo cd (doppio) di David Sylvian (che ascolto da vent’anni con discreto piacere). Rocca parla di “un’unica noiosa canzone, senza musica, senza melodia, senza niente”, quindi invita gli eventuali ascoltatori a starne “alla larga” (al massimo, conclude, “riascoltate il Sylvian buono”, che si fermerebbe al 1993, anno di The First Day). Ok, può benissimo darsi che questo suo ultimo cd non sia un capolavoro (non l’ho ascoltato, non posso giudicare). Ma è quella linea di “senza” che m’insospettisce – portandomi a simpatizzare ancora una volta con Sylvian.

E se invece in quel “senza” si nascondesse, la butto lì, un gesto zen?

Mi scuserà Rocca se lascio per un attimo la sua recensione/stroncatura e continuo a sfogliare l’inserto domenicale. A pag. 39 Remo Bodei si occupa di Martin Heidegger e chiude il suo pezzo citando un recente lavoro di Franco Toscani intitolato “Luoghi del pensiero, Heidegger a Todtnauberg, Odissea, Milano 2011″: “Opportunamente Toscani paragona il pensiero di Heidegger nei soggiorni di Todtnauberg all’atteggiamento di Li-Po, il grande poeta cinese dell’VIII secolo: Ci sediamo insieme, la montagna ed io, finché solo la montagna rimane”. Mi sembra perfetto per comprendere il significato di un’arte che punti tutto sul “senza”.

P.S. Prevengo un’obiezione: difficile credere che due persone dall’ego smisurato come Heidegger e Sylvian possano praticare in modo credibile l’arte della sottrazione. L’intenzione comunque resta lodevole.

Annunci

2 thoughts on “Senza

  1. le critiche di musica mi sembrano spesso una cosa piuttosto imbarazzante. un po’ narcise quando levano un (legittimo) giudizio personale a qualcosa di autorevole e intoccabile.
    ai critici preferisco le cuffie. soprattutto quando si tratta di sylvian…

  2. Anch’io sono un fan di Sylvian della primora e devo dire che appena sentii Blemish la cosa mi spiazzò non poco. Ma devo dire che continuando a sentire le cose che seguirono sono convinto che ancora una volta Sylvian si è mostrato all’avanguardia: nel collaborare con Fennesz, nell’usare musiche per installazioni etc etc.. E poi la sua voce è veramente sempre più bella (forse la sforza un pò troppo nel finale della rima cantata)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...