Vi sono giorni lievi

Vi sono giorni lievi: il tremolare

Della marina, il vaporante lido,

E l’aria stessa, il fulvo sole

Del mattino, ci illudono di sempre.

Sorge una pigra nuvola silente,

Il monte ripercuote il grido

D’ignoti uccelli o d’uomini silvestri,

Il pianto della tortora,

Il lamento piovorno del rigogolo,

Il suono d’alba dei campani

Dagli stazzi montani.

Dunque sarà per noi benigno il tempo?

Ci sarà, almeno, amico questo giorno?

– No: scolma appena il sole,

E già le presentite ombre ci tengono,

Ci persuadono del mai.

T. Landolfi