D’esempio ai giovani

Nella sua ormai famosa interrogazione parlamentare contro il blogger GattoMur, Giorgio Holzmann aveva scritto: “ciascun cittadino è libero di esprimere le proprie valutazioni ed opinioni politiche in ciascun ambito della propria vita di relazione; per alcune categorie di dipendenti pubblici tale diritto dovrebbe [però: ndr] contemperarsi con la delicatezza di particolari funzioni svolte, ad esempio magistrati e insegnanti”. Evidentemente, per tutti gli altri la libertà d’espressione può essere garantita senza particolare riguardo alla delicatezza delle particolari funzioni svolte. Prendiamo per esempio il Presidente del Consiglio attualmente in carica. Si tratta di un magistrato? No. Si tratta di un insegnante? Neppure. Quindi ecco che egli può tranquillamente definire i pubblici magistrati di Milano un cancro, quelli di Napoli una discarica e può diffamare i parlamentari che non stanno con lui qualificandoli come alieni puzzolenti. “Davvero gli italiani meritano questo trattamento?” si chiedeva oggi con legittimo sgomento Michele Ainis sul Corriere. Evidentemente sì. Se lo meritano. Del resto il Presidente del Consiglio mica deve dare l’esempio ai giovani o alle giovanette….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...