Su Giorgio Holzmann (a freddo)

Ho voluto far passare un po’ di tempo, prima di esprimermi ancora una volta su una vicenda piuttosto incresciosa accaduta la scorsa settimana, protagonisti il parlamentare altoatesino Giorgio Holzmann e l’amico Gianluca Trotta, alias GattoMur. Molti ne hanno già scritto, sia in rete che sui quotidiani (in particolare vorrei citare qui l’ottimo lavoro svolto dai giornali per i quali mi pregio di collaborare, Il Corriere del Trentino e il Corriere dell’Alto Adige). Non riassumo i fatti (chi ne ha voglia può consultare il link in calce a questo articolo che contiene una esaustiva e puntuale documentazione). Aggiungo solo qualche mia brevissima considerazione personale.

Il tentativo di tappare la bocca a una voce libera mediante il ricorso a un’istanza così spropositatamente superiore (arrivando a scomodare l’istituto dell’interrogazione parlamentare, che davvero dovrebbe essere destinato a cause più nobili) ha messo in luce – se ce ne fosse ancora bisogno – quale sia il vero volto di chi  si nasconde dietro il vessillo di una parte politica intitolata al culto (ma in realtà si tratta solo di propaganda) della libertà. Credo di non sbagliarmi se la ricostruzione della genesi di un simile gesto sia questa: un attore politico d’infimo ordine, evidentemente mosso da antipatia o fastidio personale nei confronti di Gianluca, ha “attenzionato” (termine noto nel gergo di chi pratica il cosiddetto “metodo Boffo”) il parlamentare affinché egli agisse in modo censorio (e al più alto livello) contro una persona “rea” di esprimere – in modo acuto e brillante – un parere contrario all’indirizzo prevalente del governo nel quale tutte queste persone si riconoscono. Si tratta, né più né meno, di un tentativo d’intimidazione. La reazione di unanime condanna che questa azione ha causato in chi ha ancora a cuore il senso più profondo dell’indipendenza di giudizio e dell’autonomia della propria attività intellettuale ci lascia ancora sperare che operazioni del genere ottengano esattamente il contrario di quanto auspicato dai loro estensori (speranza già esaudita: in questi giorni il blog GattoMur è stato subissato di messaggi e attestati di solidarietà, totalizzando un elevatissimo numero di visite). In altre parole: noi non ci lasciamo intimidire. E con serena coscienza continueremo a raccontare le cose che vediamo (anche attinenti alla politica poco edificante della quale siamo purtroppo testimoni) senza occultare il nostro punto di vista e senza abdicare alle nostre idee.

http://lucamarcon.wordpress.com/2011/05/09/il-deputato-del-pdl-giorgio-holzmann-e-il-mondo-della-scuola-dal-professore-blogger-allimparzialita-dei-libri-di-testo-scolastici-passando-per-la-difesa-dellidentita-culturale-cristiana-nella-scu/