Il tempo di agire

Con la pubblicazione dei cinque progetti finalisti, concepiti allo scopo di coprire il fregio mussoliniano di Hans Piffrader, si è compiuto il primo passo per dare concreto seguito all’intento di storicizzare e contestualizzare uno dei documenti più eclatanti della “marchiatura” fascista del capoluogo atesino. La bontà e la necessità dell’operazione, paradossalmente, sono esaltate proprio dalle prime reazioni negative, peraltro ampiamente previste.

Dunque, chi continua a storcere il naso e a protestare davanti a questa iniziativa? Si tratta dei rappresentanti degli opposti nazionalismi, anche se mascherati e camuffati da altre sigle. La loro funzione è quella di bloccare il discorso pubblico su opposte trincee identitarie, utilizzando i resti del passato affinché questo non passi. I nazionalisti italiani vorrebbero che tutto venisse lasciato com’è, opponendosi persino all’installazione di semplici targhe o testi esplicativi in grado di descrivere in forma di un esplicito distanziamento il contenuto politico (e violento) di ciò che è rappresentato. I nazionalisti tedeschi vorrebbero invece togliere tutto, pretendendo di cancellare ogni traccia visibile di quei reperti e illudendosi che, così facendo, anche le tracce invisibili, quelle cioè depositatesi nella nostra memoria collettiva, comincino finalmente a perdersi. Come abbiamo spesso notato, si tratta di due atteggiamenti apparentemente antitetici, eppure solidali in un punto decisivo: rigettare il principio stesso della mediazione riflessiva e della piena assunzione di responsabilità che concerne un positivo rapporto dialettico – il che significa sempre interpretativo – con l’eredità più controversa della nostra storia.

Forse non è realistico, anche se auspicabile, attendersi che la sopravvivenza di queste posizioni estremistiche e di chi ancora le propaga venga accorciata nel breve periodo o addirittura estinta per sempre. Si tratta però di scegliere strategie possibilmente mirate al loro confinamento in spazi quanto più stretti, prosciugando il brodo di coltura che li alimenta. La popolazione altoatesina e sudtirolese, seppur con sfumature diverse, ha imparato da tempo a vivere in pace, sopportando con un crescente senso di noia i professionisti del rancore e del malcontento. Coprire in modo accorto gli oggetti che costituiscono il palcoscenico dal quale questi professionisti traggono i loro argomenti polemici può indubbiamente servire ad affievolirne le voci. L’importante è agire con decisione, velocemente e senza impigliarsi nelle solite discussioni inconcludenti. È arrivato insomma il tempo di fare.

Corriere dell’Alto Adige, 20 aprile 2011

Annunci

6 thoughts on “Il tempo di agire

  1. La demolizione, cancellazione, rottamazione del fregio fascista (e chi più ne ha più ne metta) sta a significare rimuovere la finalità educatrice della storia diretta ai posteri e riaccende nel contempo il solito, nonché superato, fuoco di tensione tra i due gruppi tecnici. Attualmente nel mondo ci sono fatti di portata più seria e consistente, ma gli occhi miopi e la mentalità ristretta delle persone che governano questa provincia si concentrano, in assenza forse dell’idea di ciò che avviene oltre Brennero e oltre Salorno, a guardare dove pende il lembo del mantello del Duce e se il cavallo su cui egli siede si è cogli anni azzoppato. Ognuno pensa e opera in base agli strumenti di cui dispone!

  2. @Nicola Camillo Menna
    Ci saranno sempre ” fatti di portata più seria e consistente”, peró questo non significa poter ignorare, che questo fregio sia un’ offesa soprattutto per gli Südtiroler, anche se dovrebbe esserlo per ognuno.

  3. @ Nic. questo detto da una persona che insegna la seconda lingua in scuola pubblica…siamo in buone mani ;)) (scusa gad, non volevo scrivere, ma non potevo resistere)

  4. “delle persone che governano questa provincia”

    Le persone che governano questa provincia devono — tra le altre cose — governare questa provincia. Anche quando oltre Salorno e il Brennero ci sono cose ben più importanti.

  5. Pingback: Un vero pasticcio « Sentieri Interrotti / Holzwege

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...