Un referendum? Dio ce ne scampi!

Mi pare di aver capito che qualcuno (Biancofiore?) vorrebbe indire un referendum per chiamare il “popolo” a decidere sulla permanenza (o meno) del fregio mussoliniano assurto un po’ a simbolo della nuova (in realtà quasi eterna) questione-monumenti (o questione-relitti fascisti). Spero sinceramente che non si arrivi a tanto. Assisteremo infatti a una rinnovata campagna polarizzante, alla peggiore riedizione possibile dello scontro tra fautori dell’italianità offesa e della tedeschità imperante (e ovviamente viceversa: della tedeschità vessata e dell’italianità occupante). Non potrebbe accadere niente di peggio, per tutti noi.